Moser, ecco il primo film sul record dell'ora

Il record dell’ora di Moser, la testimonianza di un grande campione

Il progetto del record dell’ora di Moser, un primato che fece segnare alcuni traguardi storici nella ricerca applicata allo sport   

Fra tanti aneddoti, ricordi, testimonianze, raccolti per produrre il primo film – doc sulla storia di una grande impresa come quella del Record dell’Ora di Francesco Moser (Bike Channel Sky 214, il 23 gennaio 2014 in prima visione) il fatto più importante si riconduce – mettendo tutti d’accordo – all’idea di quel Primato che fu uno degli eventi più mediatici dello sport azzurro.

Il 19 gennaio 1984 fu stabilito il primo test – record quando il campione trentino volò a 50,805 km orari, oltre la “barriera dei 50” che aveva fermato 12 anni prima il Cannibale Eddie Merckx (40, km/h). Sempre a Città del Messico. Quattro giorni più tardi, Moser realizzò 51,151 km/h facendo felici i tifosi giunti per lui in Messico, i numerosissimi fans locali, letteralmente affascinati dal siluro di Palù di Giovo, i giornalisti – oltre 40 inviati da ogni testata – e i canali televisivi in mondovisione.

L’idea, a prescindere, fu del fondatore della Enervit, Paolo Sorbini, come testimonia il campione Francesco Moser:  “Conoscevo la Enervit che si era fatta conoscere al Giro con la Giroclinica…  - racconta - Ricordo che arriva da me il dottor Sorbini, forse proprio durante il Giro, e mi chiede se accetto la proposta di tentare il record dell’ora. Sapevo  di cosa stava parlando, perché nel ‘75 avevo assistito al tentativo di Ole Ritter, che aveva stabilito il record prima di Merckx. Lui correva nella mia squadra ed ero stato con lui in Messico quindici giorni circa prima per la preparazione e per seguire quel tentativo. Insomma, sapevo tutto quello che comportava, sapevo cos’era. Accettai!”

Fu un progetto durato almeno due mesi di preparazione, che segnò alcuni cambiamenti epocali nel ciclismo, l’ideazione di una nuova posizione in bicicletta, l’applicazione degli allenamenti “forza-resistenza” , l’ideazione del primo cardiofrequenzimetro (che si chiamava Test-Equipe!), la realizzazione delle prime ruote lenticolari, gli studi sull’alimentazione (che teneva conto della glicemia) e l’integrazione (i primi integratori di aminoacidi, la vitamina C).

This article was published by BikeRadar, the world's leading source of bike reviews, gear reviews, riding advice and route information
  • Discipline: Road, Mountain, Urban, Womens
  • Location: UK, USA, Australia
Back to top