Ecco la Gran Fondo Liotto

Edizione numero 16 in programma il 13 aprile a Valdagno, in provincia di Vicenza. Si sale con il Passo di Santa Caterina al 18%

Prende il nome dallo storico marchio di biciclette vicentino e promette sana fatica. Pedalando in splendidi luoghi di cultura per il ciclismo. E' la Gran Fondo Liotto – Città di Valdagno, in programma domenica 13 aprile, a Valdagno appunto, in provincia di Vicenza. Una gran fondo di certo non all'acqua di rose, da preparare bene sulle strade dell’Alto Vicentino.

Due i tracciati in programma, il “mediofondo” da 103 km e 1550 metri di dislivello e il “granfondo” di 133 km e 2460 metri di dislivello.

La partenza sarà nella “Città dell’Armonia”, la cosiddetta Città Sociale di Valdagno fu progettata e realizzata negli anni ‘30 da un’idea dell’industriale Gaetano Marzotto, con lo scopo di dare a tutti i dipendenti dei lanifici l’ambiente ideale in cui vivere e lavorare.

Dopo lo start si punterà subito in direzione nord verso Recoaro Terme e, superata la nota località termale, i corridori lasceranno la Valle dell’Agno verso il passo Xon, dopo il quale piomberanno in picchiata sulla Valle del Torrente Leogra. Qui si attraverseranno i centri di Valli del Pasubio e Schio, celebre per i tanti esempi di archeologia industriale risalenti al XIX e al XX secolo, quando la cittadina vicentina era una delle capitali dell’industria tessile nazionale. Oltrepassata Schio (km 30), il percorso si snoda sui colli dell’Alto Vicentino e gli atleti dovranno scalare in rapida successione le erte di Monte Magré e Torreselle (km 56), brevi ma “intense”.

Dopo il GPM i ciclisti potranno tirare il fiato perché la pendenza sarà favorevole sino a Sovizzo (km 69), da dove si risalirà per 6 km verso Sant’Urbano, passando per l’inedito strappo di Vigo (km 73), pendenza massima 13%. La successiva discesa su Castelgomberto riporterà la corsa nella Valle dell’Agno e, giunti a Cornedo Vicentino (km 88), i due percorsi si divideranno. I mediofondisti proseguiranno in direzione Valdagno e l’erta del Castello (3 km al 7%), ultimo ostacolo prima del meritato riposo.

I giochi invece inizieranno a farsi duri per i partecipanti alla “granfondo”, dopo il bivio infatti si attaccherà il Passo di Santa Caterina, la grande novità della GF Liotto 2014. Questa lunga ascesa misura ben 28 km e vedrà i granfondisti attraversare Quargnenta, Nogarole Vicentino e Altissimo. Il Santa Caterina è una delle più classiche salite a “gradoni”, con un’alternanza di tratti pianeggianti e “scalini” veramente ripidi dove le pendenze raggiungono anche il 18%. Qui i corridori, se riusciranno a sollevare lo sguardo dalla strada, potranno gustarsi gli splendidi panorami sulle Piccole Dolomiti e sulle montagne della Lessinia. La successiva discesa porterà gli atleti dagli 809 metri del valico fino alle porte di Valdagno e il dente del Castello sarà, anche per il tracciato granfondo, l’ultima fatica di giornata prima dell’agognato traguardo.

Alla 16.a GF Liotto, seconda tappa del rinnovato circuito Alè Challenge, si sono già iscritti in 1500.  Al via di Valdagno ci sarà inoltre una speciale griglia “rosa”, dedicata esclusivamente alle donne. Per maggiori info il sito è qui: www.granfondoliotto.it

This article was published by BikeRadar, the world's leading source of bike reviews, gear reviews, riding advice and route information
  • Discipline: Road, Mountain, Urban, Womens
  • Location: UK, USA, Australia
Back to top