Milano - Sanremo: nuovo percorso per tornare al passato

Con la salita della Pompeiana, sfavoriti i velocisti

Con l’aggiunta della salita della Pompeiana, tra Cipressa e Poggio, potrebbe essere tutta un’altra storia per la Classicissima di Primavera

Nell’edizione del 2014 la Milano-Sanremo subirà una significativa modifica di percorso, destinata forse a restituire alla Classicissima di Primavera quel fascino dell’arrivo in solitaria offuscatosi negli ultimi anni se è vero che, dal 1997, nell’albo d’oro si leggono nomi come Mario Cipollini, Alessandro Petacchi, Eric Zabel  (4 volte), Oscar Freire (3)  Mark Cavendish e Matthew Goss.

Così, dopo l’inserimento delle Manie che non ha dato i frutti sperati, l’edizione 2014 battezzerà la nuova salita della Pompeiana. Si tratta infatti di un’ascesa che i corridori attaccheranno a Riva Ligure, dopo aver già affrontato la Cipressa, dalla cui sommità dovranno percorrere 3 km di discesa e solo 3,6  km di Aurelia. Da Riva Ligure la salita misura 5 km con un dislivello di 249 metri: dunque una pendenza media non proibitiva (5%), ma con un tratto di 400 metri che registra “punte” sino al 13% le quali dovrebbero consentire, a chi avrà le gambe, di fare una vera selezione. Anche perché, dopo lo scollinamento, c’è un tratto in falsopiano di 1600 metri dove si potrà rilanciare ancora e fare la differenza, forse più del tratto ripido.

Anche la discesa, almeno nel tratto inziale, tecnico e con numerosi tornanti, sarà terreno ideale per aspiranti fuggitivi, mentre, tornati sull’Aurelia, mancheranno solo 4 km all’attacco del Poggio che sarà quindi affrontato con già la Cipressa e la Pompeiana nelle gambe.

Saranno dunque esclusi i velocisti? Quasi sicuramente, ma forse rischiano anche campioni del calibro di Cancellara e Sagan che potrebbero non digerire questa terza portata, servita a metà tra Cipressa e Poggio.

Saranno sicuramente favoriti uomini da classiche, capaci della stoccata vincente ma anche con una buona capacità di resistenza allo sforzo prolungato in salita; certo i tempi delle fughe di Coppi sul Turchino sono lontani, ma forse un po’ al passato si tornerà, anche se qualcuno arriccia il naso perché proprio l’imprevedibilità (del nome del vincitore) è sempre stato il bello della Classicissima di Primavera.

This article was published by BikeRadar, the world's leading source of bike reviews, gear reviews, riding advice and route information
  • Discipline: Road, Mountain, Urban, Womens
  • Location: UK, USA, Australia
Back to top